martedì 25 febbraio 2020

Attenzione si stanno verificando tentativi di truffe del Coronavirus.


Si segnalano alcuni modus operandi dei truffatori:

A Bardonecchia, segnala il sindaco Francesco Avato, finti incaricati del Comune cercano di introdursi nelle abitazioni “per fare controlli”. Il Sindaco precisa “Il Comune non ha incaricato nessuna persona a entrare nelle case di Bardonecchia”.  

A Giaveno, segnala il Sindaco Carlo Giacone, persone fanno visita dicendo devono entrare in casa per effettuare tamponi per il Coronavirus. L’appello “Non fate entrare nessuno”.  

La Croce Rossa di Lecco segnala strane telefonate del tipo “siamo della Croce Rossa le veniamo a casa a fare il tampone per il Coronavirus”. Richiedono contatti telefonici per fissare un appuntamento per una visita a domicilio con ovvie conseguenze.

A Bologna una sedicente “funzionaria pubblica” ha citofonato ad un’anziana signora dicendo era incaricata a fare dei controlli e disinfezioni. Entrata in casa ha chiesto di vedere tutti i contanti custoditi in casa per "disinfettarli”, la signora ha acconsentito e la donna che è fuggita arraffando i soldi.

Prelievi Bancomat, è possibile che falsi “funzionari o incaricati” richiedano di verificare il contante prelevato per “disinfettarlo da contaminazione da Coronavirus”, ovviamente anche in questo caso i soldi si volatizzeranno.

Porre la massima attenzione perchè la fantasia dei truffatori non ha limiti.

Se avete sospetti, chiamate immediatamente le forze dell’ordine al 112.

Fonti Valsusaoggi, quifinanza, Tgcom24


Gita a Vicenza e Ville Venete

In seguito alla situazione che si è venuta a determinare a causa del diffondersi del Coronavirus, è stata sospesa per ora la gita a Vicenza e Ville Venete.

Passata l'emergenza, riprogrammeremo il viaggio.



La collaborazione con gli operatori turistici con cui avevamo definito l'impegno è stato totale e stiamo lavorando per il recupero del costo del biglietto ferroviario, unica spesa per ora sostenuta.

Numero verde su coronavirus


“ATTENZIONE: si ribadisce che l'800 333 444 è l'UNICO NUMERO VERDE della Regione Piemonte attivo e autorizzato a rispondere ad eventuali richieste di chiarimenti in merito all'ordinanza del 23 febbraio, oltre che a fornire altre informazioni relative alla Regione. 
Il numero non riceve segnalazioni sanitarie. 

È inoltre possibile scrivere un'email all'indirizzo: 800333444@regione.piemonte.it

Non esistono altri numeri verdi regionali a disposizione dei cittadini piemontesi.

Si chiede cortesemente la collaborazione di tutti affinché non vengano diffuse notizie senza fondamento”.

Il 112 rimane il numero per le emergenze sanitarie. Evitare di intasare i centralini per informazioni sul coronavirus perché questo causa ritardi pesanti ritardi  sui soccorsi per situazioni anche importanti.

domenica 23 febbraio 2020

venerdì 21 febbraio 2020

Modifica del programma

Incontro annullato

Venerdì 28 febbraio alle ore 15,30 – Dott. Marco Albera – Filosofia e Storia delle Religioni


lezione su:
“La storia delle inquisizioni”

in sostituzione di quella su:
“I Santi ovvero la Carità per tutti”