domenica 16 dicembre 2018

Modifica programma delle lezioni


Attenzione inizio lezione ore 15,00

Giovedì 20 dicembre - ore 15,00 –  Letteratura
Prof. Laura Pasquino
Storia del teatro: da Shakespeare a Molière 
“Il malato immaginario” di Molière

-          Sostituisce la lezione della  prof. Barbara De Bernardi – Storia

Recupero della lezione della prof. De Bernardi – Longobardi in Valle di Susa
Giovedì 24 gennaio – ore 15,30

sabato 15 dicembre 2018

Pan Natale

Martedì 11, i golosi discenti dell’Unitre Alta Valle di Susa hanno potuto degustare in anteprima il Pan Natale presentato da Franco Ugetti. Un dolce dai sapori speziati, eleganti, ma non predominanti, che ricordano i dolci natalizi del nord Europa dove il consumatore viene coinvolto da atmosfere di luci, suoni e profumi avvolgenti di Glühwein (vin brulè) e dolci speziati. Ecco di seguito la ricetta gentilmente concessa dal maestro pasticciere Franco Ugetti.  
Ingredienti:
Vino passito 250 cl
Spezie varie (es. vaniglia 1 stecca, cannella 1 bastoncino, chiodi di garofano 4, pepe nero alcune bacche, alcune bacche di cardamomo aperte per far uscire i semini).
Frutta disidrata (es. fichi secchi 125 gr, arancia candita 125 gr, albicocche disidratare 75 gr, uva sultanina 75 gr).
Frutta secca (es. mandorle 100 gr, noci 40 gr, nocciole 40 gr, pinoli 20 gr).
Le quantità e le tipologie delle spezie, della frutta disidratata e della frutta secca possono variare secondo dei gusti personali.
Farina 220 gr.
Lievito chimico 10 gr.
Uovo intero n. 1
Zucchero 90 gr.
Burro 50 gr.
Miele di montagna 50 gr.
Preparazione:
Aggiungere al vino passito le spezie varie (es. vaniglia, cannella, chiodi di garofano, il cardamomo, il pepe nero) e far scaldare il tutto, senza portarlo a ebollizione. In un contenitore a parte mettere la frutta disidratata (es. fichi secchi, arancia candita, albicocche, uva sultanina). Versare il vino passito filtrato sulla frutta disidratata e lasciare macerare il tutto per almeno 24 ore.
Il giorno successivo preparare l’impasto: in un contenitore aggiungere il lievito chimico alla farina, setacciare il composto almeno due volte al fine di mischiare bene il tutto. Scolare il vino  per separarlo dalla frutta e versarlo nel composto, aggiungere lo zucchero, l’uovo, il burro e miele ammorbiditi. Amalgamare il tutto fino ad ottenere una pasta molto morbida. A parte tagliare a quadretti la frutta macerata e sbriciolare quella secca, incorporare il tutto al composto e poi versarlo in una tortiera da forno. Collocare la medesima in forno per la cottura: temperatura prevista 160 gradi per circa 35 minuti. I tempi sono indicativi poiché ogni forno ha una potenza diversa.  A cottura ultimata sfornare il dolce, farlo raffreddare. 
Alcuni suggerimenti gourmet: è possibile accompagnare il dolce con zabaglione, panna montata, gelèe di lamponi o frutti di bosco,  degustarlo con the speziato al bergamotto oppure con vino Moscato d’Asti DOCG e, perché no, con il Vermouth di Torino.
Sabato 15 dicembre, il Pan Natale è stato presentato al pubblico da  Franco e Davide Ugetti nel nuovo laboratorio di Via Medial 23 di Bardonecchia.

sabato 24 novembre 2018

Lectio Magistralis a Oulx su Antropocene






 Il prof. Francesco Remotti, professore emerito di Antropologia culturale presso l’Università di Torino e membro dell'Accademia Nazionale dei Lincei, ha tenuto una Lectio Magistralis in sala consiliare a Oulx  su “Antropocene”, termine adottato nel 2000 dal Premio Nobel per la chimica Paul Crutzen per indicare  l'epoca geologica attuale, nella quale all'essere umano e alla sua attività sono attribuite le cause principali delle modifiche territoriali, strutturali e climatiche.  Secondo quanto si studia a scuola il periodo attuale è il Cenozioco (nuova vita), un’era iniziata 65 milioni di anni fa, suddiviso in periodi, l’attuale è detto Olocene (del tutto recente), iniziato 11.700 anni fa. Oggi non siamo più nell’Olocene, dove le novità sono originate da fattori esogeni dell’umanità, ma nell’Antropocene dove tutto è determinato dall’uomo come ad esempio il riscaldamento del clima, lo scioglimento dei ghiacciai, la deforestazione, la desertificazione, l’aumento demografico della popolazione umana, l’uso sempre più spinto dei combustibili fossili (carbone, petrolio, gas), l’urbanizzazione incontrollata e la cementificazione del territorio, l’invasione dei rifiuti (come la plastica negli oceani). Per rimediare occorrerebbe ritornare dall’idea di Homo Deus (secondo la definizione di Harari) a quella di Homo Sapiens, ossia rimpossessarsi di certe forme di “saggezza”, coltivate da molte società umane le quali, in diverse parti del mondo, hanno voluto fare della convivenza con la natura il loro principio fondamentale. Il Professore ha concluso che sarebbe necessario prestare attenzione a quanto ha detto, dalle profondità della foresta amazzonica, lo sciamano yanomami Davi Kopenawa: “Il Popolo della Merce, i Bianchi, sono troppo preoccupati dalle cose del momento, presi come sono da un desiderio senza limiti di merci, di oro, di denaro. È ora che la smettano di maltrattare la terra e di pensare di essere dei, come se non dovessero scomparire mai, ma accettino di essere come le altre specie della Terra”.


giovedì 22 novembre 2018

Mostra “I Macchiaioli” a Torino


VISITA guidata alla mostra “I Macchiaioli”
Torino, museo GAM
Mercoledì 5/12/2018
Ore 15,15 ritrovo al museo, davanti al bancone biglietteria

Per tutti coloro che si sono iscritti:
€ 11,50 ( biglietto  e prenotazione per chi NON ha la tessera Musei)
€1,50 (prenotazione per i possessori tessera Musei)
Da dividere fra i presenti il costo della guida ( presumibilmente €4 circa a testa)

Munirsi autonomamente del biglietto del treno
Per chi parte da Oulx, treno ore 13,30, prima carrozza in testa.
Chiedere eventuali conferme a Carla Musso, qualora subentrassero condizioni diverse da quelle odierne.

sabato 3 novembre 2018


È mancato Sergio Torgano, si pubblica il biglietto di condoglianza inviato dall'UNITRE Altavalle di Susa alla sua famiglia:

 “Sentiremo la mancanza del suo cappellone chiaro che nascondeva occhi vigili e attenti. Ci mancheranno i suoi interventi puntuali, che arricchivano e movimentavano i nostri incontri. E poi il suo sorriso, che si apriva all’improvviso fra la serietà delle parole, per manifestarci la sua simpatia e condivisione.
Sergio è stato a lungo un elemento fondante della nostra UNI3, ha saputo proporre suggerimenti di grande interesse e partecipare con impegno e senso critico alle elaborazioni dei programmi e delle attività.
Lo ricorderemo con gratitudine e riconoscenza e ci stringiamo a Maria in un abbraccio grande e commosso.
Tutti noi dell’UNI3AltaValSusa”

Il funerale si terrà presso la parrocchia di Beaulard lunedì 5 novembre alle ore 11.

Tessera Cinema Sabrina, Bardonecchia


Per ottenere la tessera occorre recarsi alle casse del cinema Sabrina con la Tessera UNI3 Altavalle di Susa, anno accademico 2018/2019.                La tessera, concessa gratuitamente, permette l’ingresso a 10 spettacoli al costo di € 4,00 cadauno. 
Decorrenza dell'agevolazione:
dal 18 novembre al 23 dicembre 2018
dal  7 gennaio al 12 aprile 2019.